Avvocato, affila la tua Biografia on line

Pubblicato il Pubblicato in Legal Marketing
Share on Google+Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someone
biografia logo

Ok! Hai aperto il tuo account su Twitter… o su Google+. La prima minaccia che ti si presenta è quel box bianco e vuoto che pretende che tu scriva la storia della tua vita, la tua Bio professionale magari, così da rendere edotto il lettore web su chi tu sia. E ora che ci scrivo?

 

Tieni a mente

Un importante – quanto sottovalutato – strumento di self marketing è la Bio – o biografia che dir si voglia – ed è sempre utile per gli avvocati come per professionisti in generale, mantenerla fresca e accattivante; soprattutto sui vari social oppure per il sito web che hai appena aperto.

La tua Biografia deve essere ben scritta; deve essere breve e incisiva, diretta… deve chiarire in prospettiva quali benefici avrà il potenziale cliente scegliendo di avvalersi dei tuoi servizi professionali.

È arrivato il momento di aggiornare la tua Bio? Ecco alcuni consigli.

 

Sei il tipo giusto per il lavoro giusto?

Mi chiamo Wolf, risolvo problemi. (dal film “Pulp Fiction” di Quentin Tarantino)

Chiarisci cosa puoi fare per i tuoi clienti, i servizi che puoi offrire, le tue competenze specifiche includendo anche i benefici che la tua opera professionale può comportare. Ovviamente una Biografia non è un curriculum; ai potenziali clienti, a primo impatto, non interessa il tuo percorso professionale o la tua carriera, vogliono capire se puoi risolvere il loro problema.

Imprimi la tua personalità, un po’ della tua storia, il tuo senso dell’umorismo – se ne sei dotato – ma evita l’autoesaltazione; termini come “esperto” o “specializzato” sono impegnativi se manca la dovuta certificazione o preparazione; il risultato può rivelarsi controproducente oltreché non etico.

Poco ma buono, un classico!

Ripeto: la Bio non è un curriculum e non è neanche un ritratto enciclopedico. Uno scritto di 120-150 parole al massimo è più che sufficiente, le persone si stancano presto di leggere ormai…

Come anche consiglia Rudy Bandiera per i social, evita di scrivere in hashtag (#avvocato, #dirittocivile, #tribunalifero …)

Parli così nella vita reale? (Rudy Bandiera)

Ovviamente scrivi in italiano, perché siamo in Italia; qualche termine inglese ci sta, ma si lega bene col lavoro che fai?

 

Veniamo al sodo, sei un bravo avvocato?

Il percorso professionale è importante, ma non si diventa bravi avvocati solo frequentando la facoltà di legge. Questo è un lavoro di esperienza!

Per un avvocato, in una Biografia conta quello che hai fatto professionalmente e da quanto tempo; può rivelarsi utile includere qualche riconoscimento che hai conseguito, qualche tua pubblicazione interessante. Metti bene in evidenza la tua esperienza sul campo con dinamismo e praticità.

 

Varie ed eventuali

Includi una foto recente e non quella della laurea, se sei un professionista con 25 anni di esperienza.

Altro…? Mha’… magari aggiornerò l’articolo in seguito. Ah si, scrivere una Biografia può essere avvincente e anche divertente, non cercare di sembrare “bello e impossibile” per forza, anche perché poi i clienti potrebbero considerarti troppo costoso ed inaccessibile, relax amico… relax.


Share on Google+Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *